Chry incontra i Marlene Kuntz

NOZZE ROCK PER I MARLENE KUNTZ

I Marlene Kuntz festeggiano 25 anni di carriera e celebrano il ventennale di “Catartica”, uno degli album più importanti della storia del rock italiano che ha rappresentato un folgorante inizio per la band cuneese. Cristiano Godano e soci per l’occasione registrano in presa diretta “Pansonica”, che solo nel titolo riprende Sonica, uno dei brani che meglio rappresenta il loro primo lavoro discografico. Pan-sonica non è una deluxe version con riempitivi di b-side e rarità assortite, ma un EP di sette canzoni mai incise pensate e scritte nel periodo fra Catartica e il loro secondo disco“Il vile”, ad eccezione di Donna L già pubblicata nell’album “Come di sdegno” in una versione live decisamente più cattiva. L’idea dei Marlene è forse quella di riportare l’essenza e il mood di una fase artistica ormai superata, un ritorno alle origini. Sotto la luna, primo singolo estratto, un testo caldo e intenso dove evince il bisogno di sfogare una condizione di disagio o meglio, come modificherà Godano venti anni dopo, “una pena a cui dare miglior fortuna”… Ad aprire l’EP è il Sig. niente, una traccia più narrata che cantata, ma senza dubbio è il sound Marlene, rumoroso ed espressivo, trae da sempre la massima ispirazione dai Sonic Youth e in questo EP l’influenza della band newyorkese è particolarmente sentita nel secondo brano, Parti. Per uscire dall’oblio, traccia malinconica che racchiude il sapore del bel tempo che fu, una coinvolgente cavalcata blues dal Capello lungo che va a chiudere l’EP. Il disco è disponibile dal 16 settembre nei negozi e in digitale e la band sarà impegnata in una serie di appuntamenti live in partenza il 4 ottobre da Livorno.

Il CATARTICA TOUR 994/014 è un viaggio che ha tutto il sapore di un evento, un’occasione unica per immergersi dal vivo nel mondo sonoro di riferimento di quel periodo e che porterà il gruppo da ottobre a dicembre nei principali club italiani.

Cambio location per i Marlene Kuntz, dal Circolo degli Artisti all’Atlantico, un luogo più grande per dare la possibilità di partecipare a tutti i fan che non sono riusciti a prendere i biglietti dopo l’ennesimo sold out del catartica tour 994/014. Un tour per celebrare i 25 anni di carriera della band cuneese con un mix di canzoni estratte dal loro primo disco “Catartica” e da “Pansonica” l’EP pubblicato lo scorso 16 settembre con inediti pensati e scritti nello stesso periodo compositivo di Catartica ad eccezione di Donna L, già pubblicata in una versione live, ma che tutt’ora ha tutto il sapore dei primi anni 90. Sonorità incisive e taglienti, rumori, assoli arrugginiti di chitarre graffianti, follia e adrenalina a mille, Cristiano Godano e soci dopo tanti anni riescono ancora ad accendere il fuoco, proprio come su Fuoco su di te dove vanno tutti fuori di testa, anche l’ultimo arrivato Luca Saporiti aka Lagash che in preda al delirio si scontrerà varie volte con l’asta del microfono fino a scordare quel basso sempre più ruggente. Nel bis altri cinque brani, di cui una versione spompata di Sotto la luna, l’immancabile Sonica a riportare l’energia sul palco per poi chiudere con le parole della struggente ballata di Nuotando nell’aria“e non è facile dovresti credermi sentirti qui con me perché tu non ci sei mi piacerebbe sai sentirti piangere anche una lacrima per pochi attimi”.

Share:
© Copyright 2019 Chry | Creative Commons BY-NC-SA unless otherwise specified.